sabato 21 agosto 2010

Velaterapia: che bella invenzione!


La vela e' un modo di vivere e la cosa piu' bella e' navigare... ma quando diventa anche un modo per sconfiggere la malattia e ritrovare il sorriso con chi ce l'ha fatta o tenta di farlo con te è come vivere due volte.
Eccovi i link per vedere gli album delle ultime due regate sul lago di Garda cui ho partecipato nel mese di luglio nell'ambito del
Progetto Itaca 2010.



e l'Itaca day di Portese

Pensiero del giorno "Quando il mare è calmo ognuno può fare da timoniere" (Publilio Siro)

Ognuna di queste esperienze rinsalda anche i legami con i compagni di ...avventura
Questa è la ricetta delle " Rose del deserto", uno squisito dolcetto che Orsola ha portato per completare il pranzo offerto dall'Ail e dal Circolo nautico di Portese e mi ha inviato con e-mail, per rinsaldare la nostra amicizia.
Provare per credere.

ROSE DEL DESERTO
50 gr fecola
150 gr zucchero
200 gr di farina
200 gr
burro
mezza bustina lievito
1 bustina vanillina
2 uova
100 gr
mandorle/uvetta/gocce cioccolato
1 scatola di corn flakes

Mescolare il tutto a piacimento;
mettere mandorle, uvetta o gocce cioccolato a scelta, (oppure nulla)secondo i gusti. Fare delle piccole "pallottole" leggermente schiacciate ed avvolgerle nei corn flakes in maniera che aderiscano.
Cuocere in forno a 180° per 10/12 minuti. Spolverizzare con zucchero a velo

PS: con queste dosi dovrebbero uscire circa una quarantina di "rose",
dipende dalla dimensione delle .."pallottole".



Una rosa del deserto

18 commenti:

Aliza ha detto...

Luigina che post ricco, anche la ricetta...sono felice per te, questa velaterapia è veramente esemplare.
Un bacione

L'uomo nell'ombra ha detto...

E' per una causa così importante un dolce da principe del deserto.

Se mi è concesso vorrei sponsorizzare l'unità che mi è stata vicina in 20 anni di terapie : U.O. di Ematologia dell'Ospedale Careggi di Firenze.
(www.ailfirenze.it); e soprattutto vorrei fare un'appello alla doanzione di cellule staminali perchè spesso il trapianto può essere la salvezza per molti pazienti affetti da malattie ematologiche, perchè non sempre c'è un fratello (io nn l'avevo) che ti può aiutare.
Buona domenica in barca allora. A VELE SPIEGATE !!!!!!!!!!!
:Freb:

riri ha detto...

Ciao Luigina, ho gustato tutto del tuo magnifico post, dolce compreso:-)

o.t. ho il portatile fuori uso (forse un virus), volevo chiamarti con skype, pazienza. Baci e buon sabato sera a te ed al prof. da noi torinesi acquistati:-))

il monticiano ha detto...

Luigi' queste sono le terapie che fanno bene al corpo e allo spirito, si comprende benissimo da tutto il contenuto del tuo post.
Come ciliegina sulla torta i dolcetti Rose del deserto della tua amica Orsola.
Complimenti.

Gustavo Osmar Santos ha detto...

Gustavo Osmar santos
Estuvo aquí..wonderfull.

Luigina ha detto...

@ Aliza grazie e bentornata ritemprata dalle tue vacanze che spero rilassanti. Ho cercato di supplire con le immagini a quello che non sono riuscita ad esprimere con le parole.

@ Freb certo che ti è concesso: il Progetto Itaca è stato ideato da Andrea Zani, un paziente oncologico e ora è portato avanti dall'A.I.L e dal reparto di ematologia e di oncologia dell'Ospedale Civile di Brescia e di numerose città d'Italia. Se clicchi sul logo dell'Ail sulla barra laterale del mio blog, troverai tutti i dettagli dell'iniziativa, ma cercherò di mettere in risalto il tuo appello per la donazione di cellule staminali. Le prossime uscite in barca a vela saranno a settembre: a Desenzano, quella del 14/8 rimandata per cattive condizioni meteo e il 14 settembre l'ultima della stagione a Peschiera del Garda. Se ci fai un pensierino ti trovo un posto in barca

@ Rirì infatti nel pomeriggio ti ho vista per qualche minuto in linea su skype, ma sei sparita subito. Son sicura che i tuoi esperti te lo metteranno subito a posto. Quei dolcetti sono davvero squisiti e sono stati apprezzati anche da Francesca. Preparati che fra poco arriviamo a Torino

@ Sòr Aldo compreso un piatto di buona cera e di risate che mi faccio a leggere i tuoi post come l'ultimo
@Omar Bienvenido a mi blog y por su continuo buena

riri ha detto...

Ciao Luigina cara, un saluto al prof.,è superfluo dirti che vi aspettiamo a braccia aperte:-) Scusa se oggi hai visto poker in disabigliè;-). Un bacio e buona serata ed a presto. Chiacchierare con te è un vero piacere:-)Quando lo faremo vis à vis ai nostri ragazzi verrà mal di testa:-))))

Jasna ha detto...

ricette regate! il dolcetto l'ho già mangiato e devo dire che è veramente buono... le foto della regata sono stupende come sempre... le panoramiche di Gabry eccezionali ... e quello che penso sull'iniziativa di itaca lo sai già ... che dirti...! continua così Zietta che io ti leggo sempre volentieri . un bacetto j

Renata ha detto...

Ciao Luigina ! Che bellezza l'escursione velistica e la dolcezza delll'accattivante ricetta.

Grasie fess ! Na caretada de basì.

Luigina ha detto...

@Rirì non sapevo che anche il tuo cane girasse per casa in m....ah! ah! ah! Cmq non mi sono turbata e non sei tu semmai a doverti scusare ;) Con questa afa poi. Conversare con te è stato un piacere anche per me.Gabriele quando verremo a Torino ha intenzione di portarmi a vedere un sacco di cose e credo che a stordirmi ci penserà lui.

@Jasna ti è poi arrivata la mia mail con l'allegato corretto? Fammi sapere come procede il tuo lavoro di illustratrice.

@Renata, appena passa quest'afa schifosa preparo di nuovo le rose del deserto e poi te le porto. Ricambio la caretàda dè basì a te e ad Alessio ( se sarà maschio il mio nuovo nipote è uno dei 3 nomi papabili9

Renata ha detto...

Luigina carissima, avrai capito che il mio amore per Alessio e profondo e sofferto.

Quando farà fresco forse sarà anche tenpo per Alessio di assaggiare la tua dolcezza, trasferita in quelle "rose" prevedibilmente squisite.
Un bacione.

riri ha detto...

Ciao Luigina, ti auguro una buona serata. Siamo usciti per un gelatone:-)
Un caro saluto al prof.
A revoir:-)) Torino è bella, me ne innamorai subito 40 anni fa:-)

amalia ha detto...

ciao Luigina,sono rientrata da due settimane di vacanza a Portovenere all'insegna del cattivo tempo e del mare mosso, ora speriamo solo nel prossimo week end,
il tuo post e' molto bello e mi fa piacere che tu abbia fatto un bel viaggio in barca a vela.
ti aspetto a Marina di Massa.

Luigina ha detto...

@Renata come si fa a non capire un'amore come il tuo per una creatura meravigliosa come Alessio? Oggi l'afa dovrebbe darci una tregua. Buona giornata e tanti bacini
@ Rirì io il gelatone me lo sono concesso a casa ieri sera, perché oggi potrò solo bere la "sbobba" per l'esame di domani, bleah!

@Amalia bentornata! Mi dispiace per le tue vacanze rovinate dal maltempo e ti auguro di rifarti almeno nel prossimo weekend. Qui ancora afa terribile.

25 agosto 2010 09:43

Caterina ha detto...

Ciao Luigina,
ieri ho guardato tutte e tre film segnati. Mi piacevano molto come anche la velaterapia stessa. Le tue rose del deserto sono una meraviglia, le proveró sicuramente.
Cara mia, penso molte volte a te anche se scrivo raramente.Dai commenti di Riri mi sembra che tu sia o andrai a Torino per esami medici. Ti auguro un sacco di bene ed invio mille baci

Luigina ha detto...

@Ciao Caty! Anch'io sono venuta a recuperare un po' di arretrati da leggere e da guardare nei tuoi blog e ho trovato tante belle novità e filmati delle tue vacanze, del matrimonio di tua figlia e della maturità di Zoli, oltre a quelle del tuo magnifico giardino. E' sempre un piacere farti visita.Sì hai capito bene che in settembre andremo a Torino, ma per una breve vacanza, vedere la città e dintorni che non vediamo da tempo e naturalmente per incontrare finalmente Rirì e Nicola. Le visite mediche le ho fatte a Brescia prima e per fortuna sono andate tutte bene. Ti abbraccio

riri ha detto...

Ciao Luigina, buona giornata con un bacio ed un sorriso:-) Valido per 2:-)

riri ha detto...

Ciao ragazzi, inutile dirvi che sono entusiasta;-)