venerdì 21 novembre 2008

VIOLE DEL PENSIERO


I gerani sono le talee che ho fatto da quelli del giardino di casa del mio papà



E' il 21 novembre e il mio balcone non è mai stato così bello: sembra rinato dopo un'estate arida e un autunno un po' anomalo.I gerani divorati da farfalline marroni sono rifioriti e le viole del pensiero sono nel loro massimo splendore, come potete vedere.
E uno dei miei fiori preferiti sia per la varietà dei suoi colori, sia perchè nella sua corolla ci vedo il viso di una persona, tracciato dalle sfumature scure su 4 petali. Ma adesso che guardo meglio sembra una farfalla con le ali spiegate....al contrario.




Mi è venuta la curiosità di conoscere l'origine, il significato del loro nome e le loro proprietà terapeutiche e, dopo una breve ricerca ve le offro:





































Le viole sono state comprate nel negozio dell'amico Severo C., marito di Franca Z. la mia testimone di nozze.





Eccole:

Gli Inglesi fin dal Medioevo avevano una particolare predilezione per questo fiore. Quando Josèphine Beauharnais incontrò Napoleone gli donò proprio un mazzetto di Viole mammole che adornavano le sue vesti. Napoleone adottò questo fiore anche per l'amante Maria Walewska. I Bonapartisti ne fecero poi il loro fiore simbolo, contrapponendolo al giglio dei Borboni.

La Viola del pensiero viene usata in infuso o in decotto, in caso di malattie cutanee croniche: l'acne, gli eczemi, i foruncoli e la psoriasi. Ha un'azione curativa anche per i disturbi delle vie respiratorie.


Una leggenda narra che Zeus, che aveva dovuto trasformare una sua amante, Io, in una giovenca, le aveva poi creato un fiore per nutrirsi, la Viola del pensiero. Una versione del mito di Attis narra che il giovane , che non poteva sposarsi con l'amata principassa Atta, si evirò sotto un Pino e morì. Dal suo sangue crebbero viole dai petali rosseggianti. Disperata per la sua morte anche Atta si uccise e dal suo sangue crebbero altre Viole. Il 22 marzo si celebrava il culto in nome di Attis nella Roma Imperiale. Era il giorno della viola, infatti, si trasportava in processione un tronco di pino adornato di Viole. L'eroe della Viola è colui che si sacrifica per trasformarsi in questo fiore. Si narra che i cavalieri della tavola rotonda consultassero le Viole per conoscere il loro destino. La Viola del pensiero chiamata dai francesi pensèe, divenne, nel "Sogno di una notte di mezza estate" di Shakespeare, la chiave di tutta la commedia.


Nel linguaggio dei sentimenti la Viola simboleggia il pensiero per l'amato/a, l'amore vivissimo, la fedeltà, l'eleganza ma anche lo sdegno.

E, poiché oggi il mio amato marito Gabriele festeggia il suo compleanno e le fotografie me le ha volute scattare lui, perché le mie erano bruttine, gli voglio dedicare questo mio post e questa canzone con tutto l'amore di cui sono capace, con l'augurio di festeggiare con lui ancora tanti compleanni.

23 NOVEMBRE
Gli uccellini che nidificano sopra il tetto di casa mia,
con la complicità del vento di tramontana dell'altra notte, mi hanno sradicato 2 delle viole del mio balcone, perciò ne ho comperate altre due dai miei amici Franca e Severo, con altri colori e le dedico in particolare a Stefi per custodire il suo prezioso pensierino per me e Gabriele che dovrebbe aumentare l'intensità del loro colore


12 commenti:

Jasna ha detto...

che meraviglia ... vedere il tuo balcone mi sembra sia già primavera....

JANAS ha detto...

Eccola!! ahahah! questi fiori voglio dire che stai meglio???

GABRIELE AUGURI!! Auguri...felice compleanno e cento di questi giorni, con un balcone fiorito, e il sole e Luigina accanto...e una nipotina che vi colorerà la vita, ancora più di tutte le sfumature di una viola fiorita!

Luigina ha detto...

@Jasna, le viole del pensiero mi piacciono anche perché durano, senza particolari protezioni, anche in inverno sotto la neve, fino a primavera inoltrata.

@Janas sì sto molto meglio. GRAZIE!!! Anche da parte di Gabriele. Hai fatto pure la rima ;)

Aliza ha detto...

carissima mi fa piacere risentirti e sopratutto vederti in gran forma, i tuoi fiori parlano di te. Tanti auguri a Gabriele passate insieme un bel fine settimana, un bacio A

Tony Pannone ha detto...

I fiori so solo a vederli, mettono il buon umore, e l'odore ti fanno ricongiungere con la natura che spesso viene coperta dal dafarsi e dalla fretta.... buon weekend.

riri ha detto...

Un augurio di serenità al tuo Gabriele,anche se un pò in ritardo:-)
Le viole che hai postato sono bellissime,è un fiore magnifico,spesso me lo regalano,però sul mio balcone forse c'è troppa luce e muoiono in fretta,adesso ho trovato un riparo nella sala,dove ho un angolo con tante piante....
Un buon fine settimana,cara Luigina,come tu lo desideri,con quello che riesci a trasmettere e che mi arricchisce.

Stefi ha detto...

oggi vago un po' senza meta..ma quello che trovo qui è uno splendido regalo!
non sapevo tutte quelle cose sulla viola..a me piace pensare che si chiami così perché a forza di custodire i pensieri che gli altri le affidano, il colore si carichi..ecco perché una parte è più scura!
beh, anch'io ti affido un mio pensiero..da tenere al sicuro sul tuo balcone..

e mi auguro che lì dentro ci sia posto anche per il mio pensierino anche per voi due!! ;)
un abbraccio!

Luigina ha detto...

Aliza ho avuto qualche problemino e un po' di impegni questa settimana,ma in via di risoluzione. Grazie per gli auguri e a presto

@Toni le viole del pensiero sono talmente belle che non hanno bisogno di essere profumate, ma sono contenta che ti abbiano messo allegria

@Riri, augurio molto gradito. anche quello che scrivi tu qui e nel tua bella isola mi arricchisce ti posto il link dove puoi trovare le istruzioni per coltivare bene le viole che ti regalano http://www.giardinaggio.it/giardino/annuali/annualisingole/Viola/Viola.asp
@Stefi, sinceramente la tua ipotesi è molto più suggestiva e la preferisco;)Stanotte il vento mi ha martoriato 2 piantine e subito ne ho comprate altre 2 di colori diversi. Domani le fotografo e te le dedico, cosi il tuo pensierino per noi due accentuerà i loro colori. Ciao bel musino

riri ha detto...

Ciao Luigina,ti auguro una buona domenica e ti ringrazio,con un sorriso.

max-buck-office ha detto...

Bellissime le foto floreali, i ricordi storici o leggende che siano, e soprattutto l'unione con il consorte-
Augurissimi!!!!!!!!!
Due cucù ...........

Luigina ha detto...

@ Riri una splendida domenica anche a te. Qui è una giornata tersa:dalla mia finestra vedo le montagne innevate della Presolana, ma non posso fotografarla perché un'enorme gru rovina il bel panorama. Ieri dal balcone invece si vedevano perfino gli Appennini, cosa che capita raramente.

@ Max carissimo. I tuoi cucù sono sempre molto graditi, come un bollino di qualità ;) Ho messo le foto di 2 nuove viole con cui ti auguro una magnifica domenica piena di cucù ;)

Renata ha detto...

Grazie....dei fior !
Un pensiero davvero stupendo con dei fiori che lo sono altrettanto. Un abbraccione.