giovedì 18 marzo 2010

18 Marzo 1968...

Il 18 Marzo del 1968 Robert Kennedy pronunciava, presso l'università del Kansas, un discorso nel quale evidenziava, tra l'altro, l'inadeguatezza del PIL (Prodotto Interno Lordo) come indicatore del benessere delle nazioni economicamente sviluppate.
Tre mesi dopo veniva ucciso durante la sua campagna elettorale che lo avrebbe probabilmente portato a divenire Presidente degli Stati Uniti d'America.

Ecco la traduzione italiana del testo:


" Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni.
Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Dow Jones, né i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.
Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.
Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.
Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.
Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.
Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani"



Trovo questo discorso ancora molto attuale, non solo riferito all'America, ma anche al nostro Paese e al mondo intero.


Come era prevedibile, troppe sono state le aspettative economiche legate all'elezione di Obama a Presidente degli Stati Uniti. Obama purtroppo non è il Messia.
Non ha potuto sistemare l’economia mondiale d’un tratto, né educare le banche a non concedere mutui facili. Non può spiegare come, quando e dove investire i propri soldi. Non può fermare la crisi finanziaria. Non può bloccare il prezzo del petrolio. Non potrà dichiararsi estraneo a qualsiasi guerra. Insomma, non può fare i miracoli. Il mondo si attendeva prodigi da lui, come se avesse una bacchetta magica. All’inizio ha sì portato euforia nelle Borse, ma ora la realtà è tornata durissima.
Se ciascuno di noi non ritornerà a credere e a misurare quali siano i veri valori della vita che la rendono veramente degna di essere vissuta e non imparerà a non pensare solo al proprio tornaconto, nessun Obama, per quanto ben intenzionato, riuscirà a risolvere i problemi della Terra e a farci sentire orgogliosi di essere cittadini del MONDO.
E magari, quando ci vien voglia di lamentarci, parafrasando una famosa frase di un altro Kennedy, chiediamoci più spesso non cosa possa fare il nostro paese per noi, ma cosa possa fare ciascuno di noi per il nostro paese.

“Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato
quando l'ultimo albero sarà abbattuto
quando l'ultimo animale sarà ucciso
solo allora capirete che il denaro non si mangia."
Profezia Creek.

20 commenti:

il monticiano ha detto...

La profezia finale che hai messo in corsivo su questo post la dice lunga su quello che si dovrebbe fare e non si fa nell'interesse del mondo intero
come dici tu.
Ma chi ci governa attualmente -
secondo me molto male - queste cose qui le capisce?

Luigina ha detto...

Se le capisse Aldo non saremmo ridotti così, ma la responsabilità è di tutti, anche di chi non li ha votati e dire che si stava meglio quando si stava peggio non serve gran ché, come ben sai.

riri ha detto...

Grazie Luigina, un post interessante ed istruttivo, penso sia proprio così, molti dicono : chi mi aiuterà, dov'è lo stato? Ma sarebbe ora di tirarsi su le maniche e cominciare a lavorare per uno stato migliore, perchè lo stato siamo noi. Condivisibile il discorso di Kennedy e per Obama, staremo a vedere, penso sia ancora presto..i miracoli non li fa nessuno al giorno d'oggi, ma tutti insieme..chissà...
ti abbraccio forte

Jasna ha detto...

meraviglioso post ... degno di essere commentato contempo e serietà . quindi ripasserò

Luigina ha detto...

@Rirì grazie a te: è dura da accettare questa soluzione,soprattutto da chi non è mai stato abituato a fare sacrifici e a sacrificarsi per gli altri, ma credo sia l'unica via di salvezza oltre a una ...RIVOLUZIONE.
@ Jasna ti aspetto, grazie. Come sei solare in questa fotografia: mi pare che tu abbia voglia di sole e di mare o sbaglio?

Fernando pannone Pessoa ha detto...

Cara Luigina sono Tony..... ti ricorderai sicuramente di me...
Si apre da oggi una nuova stagione perche' ho aperto un nuovo blog
"preghierasalvavita.blogspot.com"
E' cominciato appena ieri voglio che siete in tanti.... non è un blog religioso ma fa della preghiera un strumento per aiutare chi sta peggio di noi... Aderendo con un contributo a piacere aiuterai a far germogliare un fiore appena nato..... in seguito per dettagli piu' accurati... nel frattempo ti lascio un caro saluto......

Max ha detto...

Il mondo andrà avanti comunque. Spesso siamo noi i primi a non permettere che il mondo migliori nel senso auspicato.
Ci autodistruggeremo?
Buona settimana.

Luigina ha detto...

@Tony bentornato! Sono venuta a visitare il tuo secondo blog. Sono sincera: mi ha suscitato molte perplessità che ti spiegherò dettagliatamente in privato. Io le preghiere le dico ...gratis per le persone che ne hanno bisogno. Se vuoi avere un aiuto con il tuo blog google adsense ti permette di riceverlo.

@Max bentornato anche a te! Sì: il mondo andrà avanti comunque... fino alla sua distruzione se ognuno pensa solo al proprio tornaconto

Adriano Smaldone ha detto...

non nascono 2 volte queste persone

amalia ha detto...

a tirarsi su le maniche e ad impegnarsi purtroppo sono sempre troppo pochi.....
Scusate il mio pessimismo, ma se chi ci governa molto male non capisce......

Luigina ha detto...

@ Adriano è vero, ma hanno lasciato delle tracce indelebili e ci hanno indicato la via da seguire. Sta a noi vederla e percorrerla.

@ Amalia capisco e condivido in parte il tuo scoramento, ma un sistema ci sarebbe per farglielo capire..anzi un paio ;)

riri ha detto...

A proposito di miracoli: Obama ne ha fatto uno:-))Sarà unto dal Signore?:-) Baci, buona giornata e grazie.

Luigina ha detto...

@Rirì di unti dal Signore ce n'è solo uno che crede di esserlo. Comunque se ti riferisci alla riforma sanitaria che nessun altro presidente USA era riuscito a fare sono d'accordo. Un abbraccio

amalia ha detto...

che ne dite di non andare a votare?
accetto consigli da tutti ,sono molto confusa e schifata di tutto, non riesco nemmeno ad essere informata a dovere su quello che ci sta succedendo intorno, troppa confusione....
e pensare che un tempo avevo le idee abbastanza chiare ora di certo so solamente chi sicuramente non votero'.........

Nicolanondoc ha detto...

Buongiorno Luigina, il testo della riforma sanitaria di Obama ritorna alla camera per violazione procedurale...non si può definire una nazione con una grande democrazia quella che lascia senza assistenza sanitaria 8 milioni di bambini.

Da noi piove, piove, piove...
Bacini

Luigina ha detto...

@Amalia il mio parere te l'ho scritto nel tuo blog, ma te lo ripeto anche qui chi non vota o annulla la scheda dà il suo voto in percentuale a tutti: anche a chi è sicuro di non voler votare. Spero che tu abbia trascorso felicemente il tuo Compleanno e ti rinnovo gli auguri. Se voti B. ha promesso di allungare la vita a tutti fino a 120 anni in media:))))

@Nicola purtroppo abbiamo gioito troppo in fretta, ma confido che questa legge sarà approvata. Obama ci sta provando a fare la sua parte e a realizzare un sogno.

amalia ha detto...

@ luigina
grazie ancora per gli auguri per il mio compleanno, purtroppo i miei figli li ho sentiti solo per telefono ,il primo come tu sai lavora a Barcellona e il secondo era,sempre per motivi di lavoro,(fortunatamente pero' per un breve periodo) in Germania
Dunque.......cenetta romantica con il marito.
P.S.Mi hai convinto...andro' a votare , ho ancora le idee confuse, ma sicuramente all'allungamento della vita fino a 120 anni non ci tengo proprio......

Fernando pannone Pessoa ha detto...

Ciao Luigina volevo tranquillizzarti per la situazione delle donazioni.... e dirti che mi trovo solidale sul contenuto del tuo post... un caro saluto da Tony.

Caterina ha detto...

Ciao Luigina,
ti auguro una bella festa di Pasqua con tanta serenitá.
Un grande abbraccio

Luigina ha detto...

@ Ok Tony: ti ringrazio e ti faccio i miei migliori auguri di Buona Pasqua con le persone a te care, ma soprattutto la salute e la serenità.

@Caterina Grazie MILLE! Ricambio di cuore l'augurio gradito con un forte abbraccio per te e tutti i tuoi cari.